ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 28 novembre 2015
ultima lettura giovedì 31 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Abbandono

di Giovanni95. Letto 347 volte. Dallo scaffale Generico

In questo preciso istante sono in piedi nella stazione. In questo muto fragore gente senza volto cammina accanto a me, mi urta, mi osserva perplessa, si abbraccia, non vede l’ora di tornare a casa e far passare anche quest’ultima giornata d...

In questo preciso istante sono in piedi nella stazione. In questo muto fragore gente senza volto cammina accanto a me, mi urta, mi osserva perplessa, si abbraccia, non vede l’ora di tornare a casa e far passare anche quest’ultima giornata di merda. I miei occhi fissano il suo treno andare via lontano da me in un’altra città di cui so a malapena il nome. È seduta sul lato del finestrino, la sto guardando andare via e non c’è niente che possa fare per impedirlo. Una lacrima scivola lenta sulla mia guancia. Il tempo sta rallentando, sembra quasi che questi attimi di sofferenza vogliano diventare secoli. Il suo sorriso, il suo magnifico sorriso, è ancora impresso nella mia mente come il più resistente dei parassiti e non riesco a mandarlo via. Il treno è sempre più lontano e la mia mente sprofonda lentamente nel baratro di una follia che mai prima avevo sentito così vicina. Vorrei gridare al mondo intero la mia sofferenza, vorrei picchiare la prima persona che incontro,vorrei correre verso un luogo che non conosco, vorrei perdermi nel buio che avvolge la vicina campagna. Vorrei tornare indietro, in modo da impedire la più grande sciocchezza che abbia mai fatto, ma sono fermo. Sono fermo , immobile come la più antica delle rocce, l’unico suono che riesce ad uscire dalle mie labbra è il puro silenzio e il suo treno sparisce lentamente all’orizzonte lasciando ai miei occhi il solo buio.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: