ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 5 novembre 2015
ultima lettura martedì 23 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il Canto dell'Esploratore

di LoddFantasyFactory. Letto 373 volte. Dallo scaffale Fantasia

Questa è la conclusione del grande viaggio di Bilbo. Lasciati alle spalle gli amici, gli incantati luoghi in terre lontane e lo scetticismo tipico degli Hobbit, ora sta finalmente tornando a casa. Si dice che il viaggio di ritorno sia sempre più.....



Il Canto dell'Esploratore

Contenuto ne "La Compagnia dell'Anello". Secondo il capitolo "In tre si è in compagnia", Bilbo scrisse le parole di questa canzone, che poi insegnò a Frodo. Lo stesso però dichiara di non rammentare se siano effettivamente di Bilbo, oppure le sue. Questo è solo un estratto dell'intera poesia.


Bilbo volse un ultimo amaro sguardo a quel mondo che, sino alla proposta di Gandalf, era per lui rimasto velato da una bruma di mistero, così come ancora lo sarebbe stato per tutti gli Hobbit, chiusi nella loro quieta ordinarietà, tipica di un popolo abituato al placido scorrere della vita. Era partito con l'inganno di un'avventura, ed invece ora vantava d'aver vissuto il peso di innumerevoli vite, e conosciuto razze che il popolo della Contea aveva sentito narrare solo nei racconti più antichi, e delle quali amavano dubitare dell'esistenza. Bilbo aveva ammirato luoghi fatati e raccolto ori incantati, udito il soave canto degli Elfi ed il possente ruggito dei draghi. Aveva fatto i conti con l'avidità dei Nani e la rovina degli Orchi; saggiato il velenoso sapore dell'odio e della guerra, sfuggito agli ingordi troll, scampato alla furia di Smaug ed infine sopravvissuto alla battaglia dei cinque eserciti. Quel viaggio gli aveva mostrato il valore dell'amicizia e del sacrificio, e che non tutti coloro che vagano sono perduti. Ora percorreva i verdeggianti sentieri della Contea e, benché il suo aspetto non fosse invecchiato di un solo giorno, dentro il suo animo non poteva più dirsi lo stesso dello spensierato Hobbit che era partito. Bilbo portava con sé il peso di quel viaggio. Quello stesso fardello avrebbe presto cambiato le vite della sua gente. A casa Baggins lo attendeva un comodo buco Hobbit, che sarebbe stato riempito in eterno dal riecheggiar dei canti di quell'avventura. Lungo il suo cammino l'accompagnava solo un ritornello:

Dietro è la casa, davanti a noi il mondo,

E mille son le vie che attendon, sullo sfondo

Di ombre, vespri e notti, il brillar delle stelle...



Davanti allor la casa, e dietro a noi il mondo,

Tornar potremo a casa con passo infin giocondo.



Ombre e crepuscolo, nuvole e foschia

Sbiadiranno via! Sbiadiranno via!

Fuoco e luce, da bere e da mangiare,

Così tutti a letto poi potremo andare!




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: