ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 25 ottobre 2015
ultima lettura venerdì 13 dicembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'ultima

di EMI. Letto 365 volte. Dallo scaffale Umoristici

L'ultimaNon pensavo che il mondo potesse essere così malvagio,così sporco e corrotto,almeno non prima di ieri. Vi spiego,ieri,verso le sette di sera,uscì di casa per incontrare un mio ex compagno di classe delle superiori che non v...

L'ultima

Non pensavo che il mondo potesse essere così malvagio,così sporco e corrotto,almeno non prima di ieri.
Vi spiego,ieri,verso le sette di sera,uscì di casa per incontrare un mio ex compagno di classe delle superiori che non vedevo da un cinque anni circa,e vidi una bellissima donna passare proprio di fronte a me,fissandomi. Io non potei fare a meno di pensare a lei,nuda sul mio divano,pronta a cavalcarmi per un intero giorno,ma interruppi subito la fantasia e mi costrinsi a pensare a mia moglie e ad i miei bellissimi figli,due per essere esatti.
Per andare al ristorante - luogo di incontro prefissato tra me ed il mio amico Luca - decisi di non prendere l'auto,ma di andare a piedi,così da smaltire qualche caloria.
Arrivato al ristorante io e Luca ci abbracciammo ed entrammo,quando vidi quella bellissima donna mangiare ad un tavolo mentre mi fissava. Quando arrivò la cameriera ci accompagnò al tavolo accanto a quello della bellissima donna,poi ci chiese cosa volevamo ordinare; io ordinai una bistecca con patatine di contorno,e Luca fece lo stesso. Dopo una lunga conversazione su "bei vecchi tempi" Luca mi fece una domanda molto importante: Ho già finito le mie patatine,posso prenderne un paio dal tuo piatto? Io lo lasciai fare,perché volevo perdere la pancetta acquisita involontariamente nel corso degli anni,ma lui dopo averne prese due,continuò ad afferrarle sempre più velocemente,ed in quantità sempre maggiore,così feci lo stesso anche io,fino a quando non arrivammo all'ultima patatina rimasta nel piatto,a quel punto mi calmai perché sapevo che non l'avrebbe presa,ma lui,sorprendentemente,afferrò l'ultima patatina dal mio piatto,e la mangiò,con gusto. Luca mangiò la mia ultima patatina... Capite?! Come si può fare una cosa simile ad una persona a te cara? È una cosa inaccettabile! L'ultima patatina! L'ultima!
A quel punto mi alzai da tavola,uscì dal ristorante,tornai a casa,e mi nascosi in bagno,a piangere tra me e me,con la convinzione che ormai,il mondo come lo conoscevo,era finito.
Fine.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: