ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 20 ottobre 2015
ultima lettura sabato 28 marzo 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Again

di Mac. Letto 517 volte. Dallo scaffale Amore

Torna al tempo delle orme, dei segni indelebili su terreni mai percorsi. Un viaggio lento e inarrestabile, interrotto eppure immemore. Sono solchi residui, percettibili solo ai miei occhi. Distratta volgi sguardi altrove eppure sono qui, rimasto co.......

Torna al tempo delle orme, dei segni indelebili su terreni mai percorsi. Un viaggio lento e inarrestabile, interrotto eppure immemore.

Sono solchi residui, percettibili solo ai miei occhi. Distratta volgi sguardi altrove eppure sono qui, rimasto come un tempo ad aspettare.

Il tempo non ha il tempo che gli chiedo, il passato è impaziente di allontanarsi dalla memoria, ma lo stringo a me, finché ne ho forza non mi scappa, si agita e scuote ma resisto.

Vuoi saperlo dove ha termine l’impulso a battere del cuore? Sbatte e scuote il muro che lo aspetta, trema e rincorre. Non cessa di esistere, imprime l’impulso a contrarsi ancora. Sono istinti innati di sopravvivenza dei più profondi istinti, di sentimenti che restano inalienati da luoghi e tempo.

Sono vetri scossi dalle onde, ormai smussati al tatto ma cristallizzati da sempre. Come la tempratura del ferro, dal caldo che rende ardente e lucente dal freddo trasparente di molecole di idrogeno e ossigeno.

Se lo aveste visto per un attimo solo lo smarrimento del brivido inquieto, perché puoi illuderti che non esista, che il cammino percorra linee sicure, ma è tutto smarrimento e incertezze, infinitesimi parti del tutto percepiti per frazioni di secondo. Il rischio imprevedibile e inevitabile di Noi, incontrati e mai più dimenticati.

Lo devi sapere quanto profondo è l’eco dei ricordi e luoghi che ci videro amarci. Testimoni di eventi sconosciuti, dettagli tra milioni di vite, eppure la Nostra.




Commenti

pubblicato il martedì 20 ottobre 2015
catramp, ha scritto: Mi hai scaldato, nonostante il tuo testo/pensiero racconti di una mancanza, forse è per questo che lo sento così mio. Intenso... :)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: