ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 18 settembre 2015
ultima lettura domenica 17 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Indizi

di placebo. Letto 290 volte. Dallo scaffale Generico

Non ti chiederei mai di uscire da quella dimensione d'incanto che pretenziosamente invade e calcifica le pareti di questa casa. Ma se entrando in cucina, non troverai più un piatto nel ripiano dove ogni stoviglia scola a gocce rade come un ru...

Non ti chiederei mai di uscire da quella dimensione d'incanto che pretenziosamente invade e calcifica le pareti di questa casa. Ma se entrando in cucina, non troverai più un piatto nel ripiano dove ogni stoviglia scola a gocce rade come un rubinetto rotto che cola in eterno fino a corrodere lo spazio, non sorprenderti. Non cercare le invisibili cause e accuse sotto ai mobili o tra le scanalature delle mattonelle mettendo tutto a soqquadro ma voltati e dirigiti veso il salotto. Qui non focalizzarti sulle cineree chiazze sul soffitto, non perderti fra i riflessi di mille coppe argentate; non guardare attraverso i fori della tapparella rotta e non distendre le pieghe del lenzuolo sul divano ma voltati ancora e raggiungi la camera. Non fare caso al disordine primordiale, ai vestiti per terra e alle foto appese al muro. Fai finta di non vedere i punti bagnati che seminano il campo di polvere che c'è sul pavimento e non aprire i cassetti pieni di vecchi pastelli e fazzoletti usati ma voltati un'altra volta e raggiungi il bagno. Entrando non farti impressionare dalle chiazze di muffa e dal flaccone di sapone incrostato. Fai attenzione allo scalino e agli sportelli del mobile che penzolano, impiccati a testa in giù e per un'ultima volta girati. Vai verso la porta. Non ti chiederei mai di uscire da quella dimensione d'incanto che pretenziosamente ti incatena ai fatti che non vuoi vedere. Eppure te lo grido. Scappa, corri, salvati! Questa casa sta crollando e noi non possiamo fare niente.


Commenti

pubblicato il venerdì 18 dicembre 2015
michelino, ha scritto: "Non male". Io gli avrei consigliato di non fare attenzione allo scalino e agli sportelli che penzolano.
pubblicato il sabato 19 dicembre 2015
placebo, ha scritto: Sì forse avrebbe potuto essere una soluzione ma quello che cerco di fare è svegliare il personaggio e renderlo conscio del fatto che da quella casa deve uscire prima che sia tardi. Non avrei quindi svolto a pieno il mio compito non avvertendolo dei pericoli che avrebbero potuto lederlo e tenerlo bloccato.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: