ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 11 settembre 2015
ultima lettura giovedì 31 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

LA MADRE SURREALE

di michelino. Letto 361 volte. Dallo scaffale Generico

Ingrato figlio mio, bisogna che tu sappia quanta fatica, quanta sofferenza e quante umiliazioni ho dovuto subire sempre in silenzio,a testa bassa, ten...



Ingrato figlio mio, bisogna che tu sappia quanta fatica,
quanta sofferenza e quante umiliazioni ho dovuto subire
sempre in silenzio,a testa bassa, tenendo duro grazie
al sostegno di una fede illimitata, grazie alla forza di un
pensiero predominante al di sopra di ogni cosa; il pensiero
che tutto quello che facevo era per te... per il tuo bene,
per garantirti un avvenire sicuro e dignitoso.

E adesso che sei cresciuto figlio mio,cosa mi vieni a dire?..
Cosa mi tocca sentire?....CHE SEI FELICE!...Che ti basta
quello che hai...Ma come ti permetti - figlio mio - di dire
queste cose davanti a me...TUA MADRE...ma come puoi
parlarmi in questo modo, dopo tutto quello che ho fatto per te?....

SEI FELICE COSI'...Questo è tutto quello che sai dirmi;
questo è tutto il rispetto che mi porti! A ME!... a me che
ti ho fatto crescere nel benessere, senza privarti di nulla...
A ME! che mi son tolta il pane dalla bocca per darti più di
quello che potevo.

Ma se alla fine codesto è il risultato, - se oggi puoi venirmi
a dire che sei felice - allora vuol dire che non sono stata
una buona madre. Ho sbagliato tutto figlio mio, ti ho viziato
troppo, ti ho reso la vita troppo semplice.
A cosa ti sono serviti tutti i sacrifici che ho fatto per te se
non ho saputo esserti d'esempio?

Ricordati sempre che la vita è dura, - figlio mio - la vita
è patimento, e in questo mondo bisogna farsi strada a
sgomitate e privazioni, bisogna saper stringere i denti,
guardare sempre avanti e sopportare il peso della croce
sulle spalle...

...........e tu?......
figlio mio.......cosa mi vieni a dire?
CHE SEI FELICE....
e vieni a dirlo qui, davanti A ME!
Come ti puoi permettere di parlarmi in questo modo?
Come ti puoi permettere di essere felice,
quanta incoscienza devo sopportare?...ingrato figlio mio...
NON HAI VERGOGNA?



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: