ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 4 agosto 2015
ultima lettura mercoledì 20 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Riflessioni di un centenario

di vecchiofrack. Letto 378 volte. Dallo scaffale Generico

Riflessioni di un centenarioEccomi qui, oggi come ieri… e se ci arriverò, come domani; immobile davanti alla finestra a guardar la vita scorrere giù in strada.Puntuale come la morte, che chissà mai perché dalle mie pa...

Riflessioni di un centenario

Eccomi qui, oggi come ieri… e se ci arriverò, come domani; immobile davanti alla finestra a guardar la vita scorrere giù in strada.
Puntuale come la morte, che chissà mai perché dalle mie parti tarda a passare; l’inserviente alle nove, dopo avermi garbatamente spronato e aiutato ad alzarmi dal letto, mi ha fatto accomodare sulla carrozzina e mi ha depositato come un pacco qui, dicendomi che sarebbe tornato a prelevarmi allo scoccare del mezzodì.
Oggi è un giorno speciale, o perlomeno dovrebbe esserlo per me; da quando mi sono svegliato è un complimentarsi d’inservienti e ospiti.
Oggi sono ufficialmente entrato nel ristretto club dei centenari… sai che soddisfazione!
A pranzo sarò festeggiato, con una punta d’invidia, dagli altri ospiti dell’ospizio; poi tutti quanti assieme intoneranno la solita litania di circostanza, invitandomi a spegnere con un soffio la grossa candela posta al centro della torta con il numero cento… e come accadde l’anno scorso per il novantanovesimo compleanno, non ci riuscirò!
Allora ci penserà il giovane nerboruto assistente, a dar fiato ai suoi mantici in vece mia.
Poi i soliti battimani, e pur consapevoli del fatto che già uno in più sarebbe una conquista; i fatidici auguri di altri cento giorni come questo.
Ah, se avessi ancora fiato bastante per imbastire un discorso di ringraziamento, ne avrei di cose da dire, sicuramente non sarebbero quelle che ci si aspetta dal festeggiato… ma ne avrei di cose da dire… oh se ne avrei!
Oggi ho deciso di pescare la poca aria rimasta nei polmoni, rinsecchiti come la vita, e dire qualcosa che so, non farà felice gli altri ospiti che ancora sperano di raggiungere e superare il mio invidiabile record.
Dieci anni immobile seduto su una sedia con le ruote spinta da un inserviente accanto alla finestra, e da lì guardar scorrere la vita, quella vera… non mi sento né una pianta né un fiore, non desidero più vegetare, essere spostato come un vaso di fiori mi umilia; scambierei, se lo potessi fare, questi dieci anni con un solo anno… un solo mese… o finanche un sol giorno passato a camminare laggiù in mezzo alla strada dove la vita scorre gioiosa.
Questo vorrò dire oggi a chi ambisce raggiungere il mio traguardo a tutti i costi, anche a spese della ragion di vita.
Sì, questo dirò… se ci riuscirò.

FINE




Commenti

pubblicato il martedì 4 agosto 2015
SuicideBoy, ha scritto: Hai mandato un messaggio bellissimo, questo pensiero é davvero struggente, demotivante.. Per questo cosi affascinante.
pubblicato il martedì 4 agosto 2015
vecchiofrack, ha scritto: Vale la pena vivere cent'anni, guardando la vita scorrerti accanto senza potervi partecipare? Mah, io direi di no... meglio vivere qualche annetto in meno, godendo della piena autonomia, piuttosto che essere festeggiato, oserei dire, esibito come un centenario imbalsamato. Grazie. Ciao Suicide

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: