ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 1 agosto 2015
ultima lettura venerdì 15 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Branco solitario.

di Nits. Letto 358 volte. Dallo scaffale Generico

Ululate alla luna,fieri lupi solitari. Avete bisogno della solitudine anche quando siete nel bel mezzo del vostro branco. Vi sentite vicini,fratelli,ululando a sorella luna. Sorella di fratello sole,figlia di madre terra,che fa ribollire il sangue a no...

Ululate alla luna,fieri lupi solitari.

Avete bisogno della solitudine anche quando siete nel bel mezzo del vostro branco.

Vi sentite vicini,fratelli,ululando a sorella luna.

Sorella di fratello sole,figlia di madre terra,che fa ribollire il sangue a noi solitari che guardiamo il cielo alla ricerca della compagnia di quella imperfetta sfera bianca che sembra urlare dai suoi crateri.

Ci si riconosce cosi,con gli occhi rivolti verso il cielo.

E' sempre la stessa luna,fratelli.

Questo ci distingue dagli altri,abbiamo negli occhi quel riflesso argenteo di chi si è imbevuto per troppo tempo della luna,della notte,di frammenti di stelle.

Questo ci distingue dagli altri.

Soli a cercarci da lontano guardando la stessa luna,richiamandoci con gli ululati tramite essa.

Che ci oscolta e ci ispira.

Noi figli della terra,discendenti dei saggi,vecchi ancestrali incastonati nel cielo come diamanti.

Noi lupi,che usciamo nella notte e di giorni ci nascondiamo dietro un sorriso.

Ma ci sentiamo noi stessi solo con quelli della nostra stessa razza,dispersa nel mondo e che si incontra guardando la stessa luna.

Sempre soli,sempre in compagnia.

Noi figli delle muse,ci scorre dentro l'ispirazione di millenni or sono.

Legati da un filo invisibile,esseri della stessa tribù,maledetti solitari che non sanno stare l'uno senza l'altro,cerchiamo sempre di scappare verso la luce della notte,la nostra maledizione,la nostra piu grande benedizione.

Possano i saggi ancestrali venirmi in sogno,riempirmi il sangue della mia arte.

Possa la luna benedirmi ogni notte e benedire i miei fratelli li fuori,tanto lontani,quanto vicini,tanto fragili,quanto invincibili.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: