ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 31 luglio 2015
ultima lettura martedì 24 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Oltre la nebbia

di Orfeo. Letto 536 volte. Dallo scaffale Poesia

Dentro la nebbiac'è un mondo di festa,c'è una fitta forestadi dolci illusioni.è come una danzaal ritmo sbagliato;è un frut...

Dentro la nebbia
c'è un mondo di festa,
c'è una fitta foresta
di dolci illusioni.
è come una danza
al ritmo sbagliato;
è un frutto malato
senza sostanza.
Saltateci dentro!
Mollate gli ormeggi!
Scordate le leggi
del mondo civile.
Là dentro è una giungla
e ci si consuma,
si lotta e s'infuria
per perder se stessi.
Ascoltate il richiamo
della sirena...
laggiù, tra la nebbia
di dolci illusioni.

Dentro la nebbia
c'è chi si innamora;
c'è chi per un'ora
d'amore darebbe
la propria vita.
C'è chi obbedirebbe
ad una matita
se mossa da dita
per una divina
ispirazione.
C'è chi si inchina
a leggi di scienza
ma con incoscienza
a Dio e alla coscienza
si sovrappone.
C'è chi odia la droga
ma ha perso la testa
perché si strafoga
nella lecita festa,
con la lecita droga,
e lì si consola
e ci si perdona,
col vino e col sesso,
l'eccesso di vita
e di libertà.
In questa partita
vince chi perde,
chi si incatena
ad una sirena
e scorda il dolore
per non soffrire,
per non impazzire,
per non sognare
di imparare a volare
e non vive ma muore.
Saltate in gabbia!
Lasciate la vita,
portate la rabbia
qui, nella greggia,
qui, dentro la nebbia!

Dentro la nebbia
è tutto più dolce:
la nebbia ci molce
la netta realtà.
E la libertà.
La musica cambia,
diventa più buona
il cibo migliora,
la testa galoppa
e scappa dal corpo.
E il corpo langue,
col tempo scolora,
infine si piange
per quell'unica ora,
per quell'unica vita
che con la matita
potevamo creare.
Potevamo volare!
Toccare una stella!
Ma qui non vedo
che l'ombra del cielo
da dentro la nebbia!

Oltre la nebbia
spazzata dal vento
io vedo e io sento
un dolce calore,
nel sangue un bollore:
è la libertà.
Qui sento dolore
ma come il piacere
mi piace il dolore:
sa di umanità.
Qui vivo di sogni
e muoio volando
come un gabbiano
senz'altri bisogni
che volare lontano.
Oltre la nebbia
io volo col vento,
io volo nel cielo
e rubo una stella.
Qui sfido la pioggia
mi sbatto e dimeno,
mi rompo le ossa
ma in fondo io vedo...
vedo l'arcobaleno.
La vita è più dura
oltre la nebbia;
fa quasi paura:
è come nuotare
a notte fonda
in alto mare.
Niente sirene,
niente catene
ma oceani di stelle
e il canto del mare...
... e il canto del mare...
Aprite gli occhi:
non sembra di sognare?



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: