ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 25 luglio 2015
ultima lettura venerdì 22 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

riallaccio con la zip rotta

di insertoin. Letto 521 volte. Dallo scaffale Viaggi

“Quell'epoca è finita, andata.” Invece no. Mi vedo vivere. Ci risiamo, mi verrebbe da dire. Mi verrebbe da vivere, ma tengo freni. lascialo vagante, non ti assillare Ci siamo mai visti? Forse sentiti, nel senso coi sensi, non so se ci siamo capiti

"Quell'epoca è finita, andata." Invece no, ci risiamo.
- aspetta dopo cena a fumare
aspetta
a scrivere
sei davvero convinto di basare la tua fortuna su questo tipo di scrittura? Non vale così...scusa se te lo dico.
Sono leggermente meccanico, spero ancora non per molto.
Frate torna dal lavoro, si lava, fuma, dorme e riparte per andare a lavorare.
Toin torna dal lavoro, temporeggia col riposare, convinto che 5 ore della notte precedente siano più che sufficienti per leggere o scrivere o fare tutte quelle belle cose che mantengono alta la fiamma della propositività. Poi non regge e dorme. Si lava, fuma e scrive.
Scrittura, unico motivo di sfogo "che resta sempre a galla, da milano a senigallia"
bastaFabriF., più fibre alimentari. Com'è che ho sempre frasi di canzoni in testa? Non è che tipo dettano il ritmo durante certe giornate? Che so, per astrarti dalla pulizia col cloro liquido delle alghe sui bordi della piscina, alle otto la mattina.
Fanculo. La scrittura è tornata attività timida e confusa. È entrato Vanni in terrazzo e mi sono sentito un coglione, perché lì sul tavolo a digitare tasti e a fumare, anziché dare una mano ad apparecchiare.
Suona la sveglia, casca qualcosa; si rompe qualcosa, nella mia testa.
I riposini di mezz'ora rischiano di frantumare qualcosa nella testa? Di certo sono buonissimi per fare quei viaggi che ti dimentichi subito dopo averli percorsi.
"...che vale la pena ricordare...
o si coltiva o la passione muore soffocata"
bastaFibra. Non ci siamo molto.
Non ci siamo perché non ho voglia di fare lo sforzo, di ricordare e annotare. Non sarebbe servita la virgola prima di "di", se non fosse che c'è stata una pausa, nella mia testa, di un paio di secondi. Ma se non ci fossero i presupposti, per una lettura esterna, di effettuare una pausa nella scrittura?
Ma se non ci fossero presupposti per migliorare questa situazione?
Mi vedo vivere. Ci risiamo, mi verrebbe da dire. Mi verrebbe da vivere, ma tengo freni.
Non ho voglia di fare lo sforzo, come quella ragazza mora, col mento leggermente a punta, gli occhi scuri. Quella che ho conosciuto quanto, due settimane fa? Soltanto perché me l'ha ricordato Mento, altrimenti avrei fatto fatica a ricordare.
Giusto far fatica a ricordare? Significa forse che succedono tante cose?
Sì, non so, se vuoi metterla così, sei liberissimo di farlo.
Potresti cazzo dirmi dove non vado e dove sì, senza fare sempre queste cazzo di osservazioni velate?
Va là, te, tu, occhio a come ti rivolgi. Si tratta di punti di vista. Hai tutto il diritto di mantenerlo - cazzo mi fai usare sempre le solite parole - però non puoi prendertela con nessuno se qualcuno ha le palle di schiaffarti in faccia cos'è che non va in te.
Ma con che faccia tosta schiaffi in faccia? Ma io lo faccio?
Ma forse è così che si matura e si va avanti? Eppure a me sembra solo che stiano aumentando esponenzialmente i complessi e le indecisioni. È tutto un guardare come potrebbero vivere le situazioni le altre persone, senza mai mettere in risalto quello che penso io. O forse non ho pensieri? Minchia sono? Cosa dico?
Capisco certe persone. Mi sono subito sentito solidale verso Rondo - peccato, a interrompere l'allitterazione della "s" -, perché comincio a capire che razza di viaggi possano farsi le persone, sul fatto che una persona in realtà ne è un sacco, tante quanti sono i punti di vista delle altre persone che la conoscono. Penso subito "cazzo ci è arrivato prima di me" e sento la competitività e l'invidia scorrermi nel corpo.
Poi mi dico che sono troppo severo con me stesso e me la fumo ancora un po'.
- Ah ma tu sei così perché in pratica pensi quello che gli altri credi pensino? C'èc'èc'è tu t'immedesimi in lòro?
La voce della moretta risuona. L'odore della Moretti risale.
Paragonare, sempre. Eppure si dice che sia una stronzata colossale; si dice che ogni situazione è da considerare a sé stante. (mi viene a mente una canzone dei Modena cantata da Ghera - come nome a primo acchito stona)
anche se sono stonato e dovrei alzare gli occhi per riprendere il filo

...lascialo vagante...non ti assillare, che c'è di male in quello che sei?

Chi sei? Ci siamo mai visti?
Forse sentiti...nel senso coi sensi, non so se ci siamo capiti...hey, perdona il gioco di parole, ma non so come spiegarmi
tranquillo, o forse sei al femminile? Ad ogni modo, ti capisco alla grande. Sei libero di spiegare come cavolo vuoi, davvero
Ho pensato di lasciare una riga bianca - poca dimestichezza con terminologia libreoffice - ma mi sento piuttosto attaccato al testo. Poi ho pensato a Irvino W. e niente, non credo di avere voglia di parlare di altri scrittori, stasera.
Già, la data di oggi...
...già l'ha data? - E ogni volta mi veniva da ridere, ma me ne stavo zitto, a soffocare il mio punto di vista in favore della risonanza degli altri. - No, guarda, sono già un po' di mesi che stiamo insieme, ma ancora niente...
Già, la data - ma poi penso che negli scritti dove me la dimentico dovrei vederci come una frammentazione dei ricordi che rispecchia la mia testa. Buchi qua e là.
O che rispecchia la testa di tutti? Non me la sento di fare questa considerazione, ne ho abbastanza. Non ci si può fossilizzare troppo a lungo nell'immaginare come possano vivere le situazioni certe persone. Credo di soffrirci e di generare troppo casino fino a impazzire

ma sei tu...non rimproverarti perché diverso

diversonegativo
a tratti, forse...

sale la smania di pubblicare. È una smania che forse sto somatizzando con la pancia adesso, col vuoto che mi si è creato e credo sia dovuto alla fame ma -
somatizzo anche con le spalle. Davvero certi conflitti si bloccano lì? Sulle spalle, i trapezi, i dorsali e tutto quello che c'è sotto la testa. Te li tieni lì finché non li sciogli, oppure fai come la moretta che se ne frega di tutto.
- è carattere!
Dovrei metterci un file audio qua, perché -
vabè: - è carattere! - Con accento calabrofioregino che?
Troppo bloccato? Ovunque! E intanto si accumulano i dolori o i presunti tali.
Che cosa stai insinuando?
Ma lo vedi che fai di tutto per distrarti e distogliere l'attenzione dal percorso principale? O credi che questa cosa possa dare metodo e struttura alla narrazione?
Conferire metodicità forse sarebbe stato più corretto eh, non per dire.
Spud-orato.

E posa 'sta cannetta che poi fai cascare la cenere sui tasti e non pulisci mai la tastiera e poi ti domandi perché cazzo certi tasti siano meno sensibili di altri. Dai cazzo domandatelo!
Cattiveria quando non ce n'è bisogno. Ahhh arrabbiarsi per le stronzate: quanto lo criticavo dopo la morte di mio fratello e di quanto ne usufruisco adesso, invece, dopo che ho imparato a ingigantire tutto.
Occhio alle spalle, vedi bene alla postura che stai mantenendo. Fuma un po' meno, dormi un po' di più.
Che c'hai, paura de perde' l'isipirazione? De perde' la smania de vive'? Ma che te se'bbevuto'r cervello?
Ebbene sì. Era tarda notte. Concerto di rane e gozzi - non mi ricordo mai il nome. Sinfonia di uccellini. Quasi le quattro. Toin taglia la parte alta del cranio, tipo zucca o cocomero. La prende tipo coppa e si beve il liquido del cervello - dimenticato il nome.
Poi scrivo e appare serenità, anche se, data l'orripilità di certi eventi, avevo prima pensato a Poe poi mi son detto non l'hai poutoto leggere peccato.

Ma lo vedi che ti distrai fisso!



Commenti

pubblicato il sabato 25 luglio 2015
whitelord, ha scritto: number one!
pubblicato il sabato 25 luglio 2015
Burano, ha scritto: Non ti avevo mai notato, tra i numerosi scritti del sito. Ora ho letto tutti i tuoi lavori. Diciamo che per certi aspetti mi piaci, per altri invece non mi convinci. Anche tu di Roma, anche tu fumatore, e anche tu ascolti Fibra.. ti seguirò ;)
pubblicato il sabato 25 luglio 2015
insertoin, ha scritto: ciao Burano! passerò anche io dal tuo profilo non appena avrò finito di stare di vedetta in piscina. sai che sorveglianza... sto vicino a Livorno, quell'attacco di accento romano proviene da mio padre, per il resto c'hai azzeccato. Sarò curioso di sapere quali sono gli aspetti che non ti convincono. bella, buona giornata e grazie per la lettura.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: