ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 24 luglio 2015
ultima lettura giovedì 21 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La ragazza misteriosa

di duciacia. Letto 380 volte. Dallo scaffale Viaggi

Entrai nel bar.Presi il mio solito bicchierino.Tutto era come sempre,nulla era cambiato.Io non avevo soldi ed ero il solito barbone che scroccava alco...

Entrai nel bar.
Presi il mio solito bicchierino.
Tutto era come sempre,nulla era cambiato.Io non avevo soldi ed ero il solito barbone che scroccava alcol.
Guardai il bancone,era sporco,così sporco che non penso sia stato mai pulito.
Mi girai e vidi una ragazza,pensai che era troppo bella per stare in mezzo ad un massa di barboni alcolizzati.
Lei mi guardava,e mi esaminava con lo sguardo.Presi l'ultimo bicchierino e me ne andai.
Mentre camminavo verso casa presi il portafoglio per vedere quanti soldi mi erano rimasti.Niente!

Entrai a casa.

Mi sdraiai sul divano in modo goffo e incominciai a guardare il tetto.
In mente avevo quella ragazza che mi fissava,perché era lì? Perché mi guardava?

Andai a dormire.

L'indomani andai al solito orario al bar,ma sta volta senza un centesimo in tasca.
Sperai che ci fosse quella ragazza,volevo sapere qualcosa in più su di lei.

Non c'era.

Jhon,il barista mi conosceva bene,ormai frequentavo il suo bar ogni mattina da ben 2 anni.
Mi offri un bicchierino.
Dopo un po' si apri la porta del bar...Era lei.

Incominciò a guardarmi e io a guardare lei,quegli sguardi iniziavano a piacermi,cercano sempre di immergermi nei suoi occhi,tutto ciò mi procurava un estremo piacere.
Lei pure cercava il mio sguardo,ma perché? Io ero malandato,ero un barbone sporco e pazzo,lei era troppo bella per guardare me.

Me ne andai.

Tornai nuovamente a casa pensando lei.

Passai la notte a bere acqua e limone pensando fosse della buona birra.

Entrai nel bar.
La ragazza era già lì,mi venne incontro io restai bloccato pensai volesse dirmi qualcosa ma anche lei restò bloccata,restammo 20 secondi fermi a guardarci negli occhi.
Non parlammo,ma furono gli sguardi a farlo.

Volevo sapere tutto di quella ragazza, come si chiamava,dove abitava,che colore amava,cosa faceva nel tempo libero,i suoi occhi ,il suo sguardo mi ammaliava,ma ero troppo timido e goffo per riuscir a fare la prima mossa.
Mi accontentai di guardarla tutti i giorni,solo quello già mi faceva stare bene.

Tornai a casa con i suoi occhi impressi nei miei.




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: