ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 2 luglio 2015
ultima lettura mercoledì 15 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Gatto Da Legare

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 337 volte. Dallo scaffale Sogni

GATTO DA LEGARE Sono gatto da legare , sulo contro i  demoni moderni ,sulocontro questi giganti della borghesia ,accompagnato da un sogno giovanile ,volare sopra questa terra, non fermarsi , credere ,abbracciare un essere millenario ,entrare nella ......

GATTO DA LEGARE


Sono gatto da legare , sulo contro i demoni moderni ,sulo
contro questi giganti della borghesia ,accompagnato da un sogno giovanile ,volare sopra questa terra, non fermarsi , credere ,abbracciare un essere millenario ,entrare nella bocca del drago.

Rassegnato sotto lo cielo ,sconsolato ,svanire dentro una frase, dentro un ammore ,dentro me stesso ,nelle mie fantasie, ora qui domani chi sa in quale avventura mi perderò , in quale follia, in quale dubbio svanirà questo sogno ,questo dire che scivola nelle vene insieme al mio sangue.

Tutto funesce , prima o poi come era incominciato , tornare ad essere ciò che ero , dentro una bella barchetta solcare il mare alla ricerca di Pinocchio, vado fino alla fine del mondo , senza aver paura. Remo contro l'onde del mare ,dentro un mare di ricordi, che ingordi diventano ingorghi , un salire , scendere un chiedersi perché siamo ancora qui. Senza alcuna spiegazione senza una ragione plausibile, perdersi in mille versi portati via
dal vento.

Appiccasse o munno intero . Ricominciare tutto da capo, pigliasse ,signori e signore di questa strana società .Ardesse , sminuzzasse , sfizziuso , strupplucchio , maccarone , poverello appiccasse a tutte quante , una sola fiamma ,una sola canzone senza ridere ,senza chiagnere. Senza scetare , il mostro che dorme in seno a quest’osseso , strunzucchio , stiracchiando panni fuori al balcone , sorvegliando pargoli , donzelle, moderne chimere ,ascoltando linguacce del malaugurio.
Cambio pelle come i serpenti, disteso al sole di giugno ,viaggio verso altre mete , conclusioni che non hanno senso , amore condiviso nel sogno ragno a sera tardi, ritrovo me stesso tra vecchie estive fantasie.




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: